Qualche giorno fa un articolo dell’Ansa raccontava, con non poca soddifazione, che noi italiani adoriamo il gelato e ne consumiamo all’anno 125 milioni di kg. Bene, per confermare la statistica, anche io ho contribuito ad aumentarne il consumo partecipando al Gelato Festival 2013.
Ne ho accennato qualche giorno fa su Facebook e nella sezione dedicata ai festival. Vi suggerisco di partire da casa affamati e abbinare la visita ad un concerto o alla mostra Life. I grandi fotografi dato che la manifestazione è ospitata, fino al 23 giugno, all’Auditorium Parco della Musica. 
Munita di Gelato Card (che comprende 5 assaggi, 1 gelato cocktail, una shoppin bag decorata con cucchiaini, cinque cialde e la gelato guida, al costo di 12 euro) sono partita dal gelato coktail, ma forse ho scelto un gusto non adatto a me, un verdissimo mojito. 
Il resto della degustazione…che dire, bisognerebbe assaggiarli tutti quei gusti, una buona tecnica potrebbe essere quella di portare con se più amici e rubare qua e là qualche cucchiaiata dalle coppette altrui, oppure se ce la fate, potreste comprare la ricarica della card a 7 euro e ricominciare il giro.
Da non perdere il gusto “Pistacchio come una volta”, detro troverete pistacchi interi, il “Cremino”, se vi piaceva il cioccolatino amerete anche il gelato e il “San Nicola” con caffè e latte di mandorla. 
Alla fine della degustazione, nel caso ce la facciate, potete votare il gusto preferito e evere diritto ad un ulteriore assaggio. 
Tra le tante proposte non ho avuto il coraggio di assaggiare il gusto “salvia e lamponi”. Lo so, sono stata vigliacca, per amore di cronaca mi sarei dovuta immolare, vorrà dire che qualcuno di voi, più coraggioso di me, ci racconterà com’è :-). 
Allora…ci andiamo?